Oggi spiegheremo un semplicissimo circuito composto da una Resistenza in serie a un Led (Diodo) e alimentati da un generatore di tensione continuo.

Ma ripassiamo un pò le basi iniziando a definire cos’è la Resistenza: è uno dei tanti componenti elettrici che troviamo in un circuito ed il suo compito è quello di creare appunto una “Resistenza” , o un’opposizione al passaggio della corrente in quel ramo. La resistenza si misura in Ohm Ω.

Un Led, o un Diodo, è un altro componente elettronico il cui compito è permettere il flusso della corrente in un verso e di bloccarla quasi totalmente nel verso opposto. Tra le sue caratteristiche fondamentali troveremo un valore di tensione interna e soprattutto un valore massimo di corrente al di sopra del quale non può funzionare.

Ovviamente noi sappiamo che in elettronica è fondamentale la Legge di Ohm:

V=RI

ovvero, la Tensione ai capi di un componente generico si può calcolare come il prodotto della sua resistenza per la corrente che circola al suo interno.

Pertanto se applichiamo la legge di Ohm sulla maglia del nostro circuito, e conosciamo in partenza i valori relativi al led e al generatore di tensione potremo andarci a calcolare il valore della Resistenza come:

R quindi sarà data dalla differenza delle tensioni ai capi del generatore e del led, il tutto diviso il valore della corrente massima che può supportare il led.

Ottenuto il valore di R possiamo andarci a calcolare la Potenza che dissipa (o disperde) il nostro circuito in due modi differenti:

ovvero o come la differenza tra le tensioni del generatore e del diodo, moltiplicando il risultato per la corrente massima, oppure come il prodotto tra il valore della resistenza precedentemente trovata e il quadrato del valore della corrente.

Per una visione completa dell’insieme con dei valori assegnati guardate il link sotto postato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *